News
23 aprile 2018
Nella fase di avvio dell’applicazione del Regolamento europeo per la protezione dei dati personali occorrerà, da parte dell’Autorità di controllo, un po’ di duttilità per governare col buon senso il cambiamento, ma non potranno essere previste proroghe per chi - pur avendo avuto due anni di tempo per prepararsi - non dovesse essere pronto.
20 aprile 2018
Qualora la non corretta gestione dei dati personali dell’interessato avvenga nell’ambito di un rapporto consumeristico, l’insorgenda controversia dovrà essere radicata avanti al Foro indicato dal Codice del Consumo, derogando la normativa in materia di privacy.
18 aprile 2018
Nell’era dell’Internet of Things e delle Smart City, l’adeguamento della normativa alla crescente evoluzione tecnologica, da attuarsi nel rispetto dei criteri di privacy by design e privacy by default previsti dal nuovo Regolamento UE 679/2016 nonché da realizzarsi in ossequio al principio di responsabilizzazione del titolare, diventa un’esigenza di primaria importanza al fine di garantire un’adeguata tutela dei dati personali degli interessati.
Formazione

Per conoscere veramente la privacy iscrivetevi ai nostri corsi!

Newsletter

Per essere sempre aggiornati in materia di privacy iscrivetevi alla nostra newsletter!

Dettaglio news
mercoledì 12 aprile 2017

Competenza territoriale tra Codice privacy e Codice del consumo

Nelle controversie in cui la disciplina dei consumatori incontra quella prevista in materia di privacy, ai fini dell’individuazione della competenza territoriale prevale il criterio del foro del consumatore solo se il trattamento dei dati personali per cui è questione si inserisce in modo qualificato all’interno del rapporto di consumo.
Su siffatto principio di diritto muove l’Ordinanza n. 5658 emessa dalla Corte di Cassazione il 7 marzo 2017, nella quale si è inteso meglio specificare l’indirizzo sul punto segnato dalla più recente giurisprudenza di legittimità.
I Supremi Giudici hanno, in particolare, ricordato l’attuale orientamento espresso in materia, secondo cui laddove “la tutela contro il trattamento dei dati personali nei confronti del titolare del trattamento venga invocata nell’ambito di un rapporto di consumo, come tale soggetto al Decreto Legislativo n. 206 del 2005, articolo 33, comma 2, lettera u), il foro previsto da tale norma prevale su quello individuato dal Decreto Legislativo  n. 196 del 2003, articolo 152“.
Tale arresto si giustifica sull’assunto che le disposizione del Codice del consumo devono considerarsi ratione temporis derogatorie di quelle richiamate dal Codice privacy, con una valutazione del tutto orientata a delimitare la scelta tra le due norme nei confini della successione di leggi nel tempo.
In quest’ottica, il contrasto tra queste norme, che origina nei casi in cui le due discipline vengano a sovrapporsi, viene chiaramente risolto ritenendo competente il foro del consumatore rispetto quello di residenza del Titolare del trattamento dei dati.
Con l’Ordinanza in argomento, i Giudici di Piazza Cavour hanno, però, voluto chiarire come a tale posizione non possa attribuirsi un valore assoluto, trovando applicazione “solo e soltanto quando il trattamento illecito dei dati si inserisca in modo qualificato all'interno del rapporto di consumo”.
Per meglio dire, deve considerarsi prevalente il foro indicato dal Codice del Consumo esclusivamente laddove il consumatore lamenti un danno che risulti connesso direttamente al contratto per una qualche forma di responsabilità diretta del professionista.
La tutela giurisdizionale dovrà, invece, essere incardinata nel foro stabilito in materia di protezione dei dati personali qualora il rapporto di consumo sia solo l’occasione per far emergere un pregresso trattamento illecito effettuato da parte di soggetti terzi.