News
20 giugno 2018
Il Regolamento (UE) 2016/679, oltre a costituire un cambiamento importante a livello della protezione dei dati personali, deve essere considerato quale tentativo di governo democratico per tutte quelle innovazioni che il progresso tecnologico ha con il tempo introdotto.
15 giugno 2018
Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater), con la sentenza n. 84 del 5 gennaio 2018, ha disposto che si deve convenire con il Garante quando afferma che la preclusione degli obblighi di trasparenza di cui al combinato disposto dei commi 1, lettere c) ed f), e 1-bis dell'art. 14 d.lgs. 33/2013 nei confronti di pubblici dipendenti, debba includere anche la pubblicazione del dato aggregato di cui al successivo comma 1-ter – relativo alla diffusione via internet di dati personali attinenti agli emolumenti di dirigenti pubblici mediante pubblicazione sul sito web della P.A. – in quanto violativa dei diritti e delle libertà fondamentali dell’individuo.
11 giugno 2018
Il Garante privacy ha espresso parere favorevole sullo schema di decreto legislativo, approvato dal Governo ed inviato alle Camere, recante disposizioni per l’adeguamento al Regolamento (UE). Tuttavia, dal parere emergono molti dubbi interpretativi e precisi inviti alle Camere ad eseguire modifiche e/o integrazioni allo schema presentato.
Formazione

Per conoscere veramente la privacy iscrivetevi ai nostri corsi!

Newsletter

Per essere sempre aggiornati in materia di privacy iscrivetevi alla nostra newsletter!

Dettaglio news
mercoledì 19 aprile 2017

I Totem pubblicitari ci spiano?

Il Garante per la protezione dei dati personali ha rivolto una richiesta di chiarimenti alla società produttrice dei cosiddetti totem, schermi pubblicitari presenti nelle stazioni delle principali città italiane, a seguito della segnalazione di un professionista che, osservandone uno guasto a Milano Centrale, ha notato la presenza di un sistema di riconoscimento facciale.
Secondo quanto emerge dalle prime indiscrezioni, tali cartelloni “intelligenti, oltre a trasmettere orario ed immagini pubblicitarie, sarebbero in grado, mediante un apposito software, di riconoscere il sesso, l’età ed il livello di attenzione di chi vi posa lo sguardo.
Tale notizia desta notevoli preoccupazioni per la privacy delle migliaia di utenti che, ogni giorno, transitano per le maggiori stazioni italiane. Ciò che si teme, in particolare, è che i dati raccolti vengano venduti ad agenzie di marketing con lo scopo di migliorare l’efficacia pubblicitaria ed affinare le campagne promozionali, magari personalizzandole.
Occorre evidenziare come la raccolta dei dati ai fini descritti, ossia per la profilazione a scopo commerciale, sarebbe completamente illegittima, in quanto effettuata senza idonea informativa e, soprattutto, senza l’acquisizione del consenso preventivo dell’utente.
Il Garante, qualora le notizie inerenti a tale sistema dovessero trovare conferma, dovrà, altresì, verificare che la società abbia inoltrato una richiesta di verifica preliminare. Occorrerà, inoltre, effettuare un controllo in merito all’anonimato delle rilevazioni e alla possibilità di registrare le immagini visualizzate in tempo reale.
Da quanto emerge, nel 2011, l’azienda produttrice dei totem, mediante una diversa società, aveva richiesto un prior check: sarà necessario verificare che il programma di allora sia lo stesso utilizzato oggi.
In merito a tale vicenda è intervenuto, in prima persona, il Presidente dell’Autorità, sottolineando come, al giorno d’oggi, siano “sempre più diffuse le tecnologie invasive della nostra vita privata”, dinanzi alle quali non ci si deve rassegnare, bensì adoperare per porvi un limite.